TOPOLINO libretto

COLLANA
 TOPOLINO libretto
 
PERCORSO  FUMETTI ITALIANI DOPOGUERRA Disney
EDITORE Arnoldo Mondadori Editore > Walt Disney Company Italia > Panini Comics
NAZIONE  Italy
ANNO 1949
NOTE  

TOPOLINO nel formato libretto tascabile è forse il fumetto più amato e collezionato d'Italia.
Il n.1, vera icona del collezionismo italiano, uscì nell'aprile 1949 e rivoluzionò la storia dell'editoria per ragazzi. Fino ad allora, infatti, avevano imperato soprattutto due formati: il giornale e l'albo con una trentina di pagine circa. TOPOLINO libretto venne a continuare la gloriosa tradizione del TOPOLINO formato giornale, che aveva fin lì pubblicato ben 738 numeri, ma stava attraversando un periodo di decadenza.
Il nuovo TOPOLINO aveva cadenza non più settimanale, ma mensile, e le sue 100 pagine costavano 60 lire, all'incirca quanto i bambini dell'epoca spendevano mensilmente per acquistare il giornale che nel 1949 costava 15 lire. Con 60 lire, insomma, si potevano leggere ben più delle 32 pagine di cui constavano quattro numeri del giornale! Ma la vera rivoluzione era un'altra: TOPOLINO, per la prima volta nella sua storia, fu dedicato completamente ai fumetti Disney. Il successo commerciale fu enorme e crescente, almeno sino agli anni Settanta, quando la nascita delle prime TV private segnò il vertice della parabola nelle vendite.
Con il n.40 del 10 aprile 1952 la periodicità passò a quindicinale, per diventare definitivamente settimanale otto anni dopo, il 5 giugno 1960, con il n.236. Il primo libretto tutto a colori giunse nelle edicole l'anno successivo, con il n.289 dell'11 giugno 1961. L'inconfondibile dorso giallo con l'indicazione del numero fu introdotto con il n.605 del 2 luglio 1967.
Sin dai primi numeri vi furono cambiamenti nella veste, nel confezionamento tipografico e nella foliazione. E' importante ricordare che i primi 74 TOPOLINO uscirono spillati e solo con il n.75 passò a brossurato.

Collezionisticamente parlando TOPOLINO è una delle testate in assoluto preferite e che trova nuovi adepti anche nelle generazioni più giovani, per via del fatto che ancora oggi esce settimanalmente nelle edicole. Va detto che tutti i fascicoli sono molto comuni vista la sua grandissima diffusione già dai primissimi numeri, quindi non vi sono grandi difficoltà, se non economiche, per chi volesse portare a completamento una collezione del libretto. Cambiano però le premesse per chi volesse anche affrontare un discorso qualitativo dei pezzi: completare una TOPOLINO libretto in stato da edicola è possibile, ma onerosissimo dal punto di vista dell'investimento economico, e richiede costanza, pazienza e molto tempo. A meno di acquistare una collezione già pronta.
Indicazioni collezionistiche più precise sono fornite per ogni singolo numero.

(nn. 1/99)
(nn. 100/199)
(nn. 200/299)
(nn. 300/399)
(nn. 400/499)
(nn. 500/604)
(nn. 605/699)
(nn. 700/799)
(nn. 800/899)
(nn. 900/999)
(1000/1099)
(1100/1199)
(1200/1299)
(1300/1399)
(1400/1499)
(1500/1599)
(1600/1699)
(1700/1799)
(1800/1899)
(1900/1999)
(2000/2099)
(2100/2199)
(2200/2299)
(2300/2399)
(2400/2499)
(2500/2599)
(2600/2699)
(2700/2799)
(2800/2899)
(2900/2999)
(3000/3099)
(3100/3199)
(3200/3299)
< GRUPPO PREC. GRUPPO SUCC. >