Forum > Discussioni generali > IL MONDO DEL COLLEZIONISMO DI FUMETTI

 
cedigiu
#1  Scritto il 09-08-2016 22:03

Oltreoceano in quell'agosto arrivava nelle edicole il numero 194 di Batman, il primo della collana, a quanto mi risulta, in cui nella cover non appare il tradizionale logo. La spettacolare cover è di un Carmine Infantino a mio parere veramente in stato di grazia...

 

Sempre di Infantino anche la cover del n. 199 di Superman uscito nel medesimo mese indimenticabile in quanto ospita la prima storica gara tra l'azzurrone e il velocista scarlatto (e mi domando sempre come mai la storia non sia stata utilizzata per celebrare il numero successivo della collana... ovvero il 200!).

 

Non c'è due senza tre? Flash 172... ancora agosto 1967 e ancora Carmine infantino!

 

cedigiu ha allegato le immagini:
9965.jpg 9966.jpg 9967.jpg
cedigiu
#2  Scritto il 09-08-2016 22:09

E la musica di quell'agosto? Ecco quali erano, sempre in America, i due "single" primi in classifica...

 

(noi stavamo messi un poco peggio... infatti si alternarono primi in classifica "Siamo la coppia più bella del mondo" di Celentano e "Nel sole" di Al Bano!)

cedigiu ha allegato le immagini:
9968.jpg 9969.jpg
Elledi
#3  Scritto il 10-08-2016 01:36

Bè, "Nel sole" non era malaccio, girava anche molto di peggio all'epoca. :)

boldlygo
#4  Scritto il 10-08-2016 10:28

Due cover storiche! Quella del Batman #194 non solo è sicuramente la prima della serie senza un vero e proprio logo, ma molto probabilmente è la prima per tutto il genere supereroico, e bisognerà attendere parecchi anni perché simili giochi grafici si ripresentino fino a diventare abituali.

 

Sul perché la storica corsa tra Superman e Flash sia stata relegata alla vigilia del numero celebrativo posso solo fare supposizioni. Gli "anniversary issue" - locuzione che include i numeri tondi - nelle collane dedicate a Superman in genere venivano celebrati con storie "immaginarie", che di fatto consentivano agli autori, relegati a dover creare situazioni drammatiche e a ristabilire lo status quo in 20 pagine, di scrivere storie più drammatiche e di ampio respiro. Superman si sposa, Superman muore, Superman ha un figlio - incapace, Lois Lane sposa Batman, Supergirl sposa Jimmy Olsen.... Alla fine queste storie risultavano le più gradite ai lettori proprio perchè riservavano sorprese e svolte inaspettatamente drammatiche. Alcune storie, come quella del matrimonio di Kara e Jimmy o la strafamosa morte di Superman (la prima!) sono effettivamente ottimi racconti, altri, beh... Per il numero 200, appunto, l'epica vicenda parte dal presupposto che Jor-El salvi Krypton dalla distruzione, con il risultato che Kal-El è costretto a cedere il titolo di Superman a suo fratello minore che si chiama come un dado da brodo. Non la migliore delle mosse editoriali, secondo me, ma magari, a quei tempi...