Forum > Richieste Informazioni > AUDACE / BONELLI

 
andrea ranzolin
#1  Scritto il 04-12-2017 00:03

Non vorrei creare un vespaio aprendo questa discussione…ma la domanda è: si possono chiamare semicensurati quegli albi di Tex che mantengono alcune vignette originali, non - censurate appunto, ma hanno subìto anche una sola modifica in qualche parte del fumetto? È proprio questa la questione: quando un albo è passato per le mani dell’”inquisizione” una prima volta e poi una seconda, una terza e una quarta…non lo si può più chiamare nemmeno  semicensurato, già dalla prima censura. So che qualcuno se la prenderà, anche perché chiamare un albo almeno semicensurato ti dà il piacere di sentire tra le mani un pezzo che sicuramente vale di più delle edizioni successive e soprattutto lo si può accostare ai suoi fratelli maggiori per via delle copertine; tuttavia io mi schiero con quelli che affermano che quando un albo ha subìto anche una sola censura è un albo censurato. Bisogna quindi saper riconoscere la censura o le censure “madri”, le prime apportate nei lontani anni ’50. Ho visto qualche venditore insistere a chiamare “semicensurato” un 12, come il mio, che riporta effettivamente la penultima striscia dell’albo non censurata: “Avanti! Li massacreremo!“ che diventerà “Avanti! Li faremo a pezzi! (che poi non si capisce dove sta la censura! e questa potrebbe essere un’altra discussione) ma  il pensiero di Grant nei riguardi di Kit willer, che in origine era:” Che ti venga un accidente, brutto verme pidocchioso” in questo albo è diventato: “Dannazione! Mai incontrato in vita mia un simile ficcanaso”. Potrei citare altri esempi simili ma ci si può comodamente documentare su internet. Quindi ribadisco (sigh!): il mio 12 ha subìto una censura quindi è un censurato.

andrea ranzolin ha allegato le immagini:
11081.jpg 11082.jpg
Dr Fiesmot
#2  Scritto il 04-12-2017 13:36
Modificato da Dr Fiesmot il 04-12-2017 13:49

Andrea...su questo argomento si è detto e scritto parecchio e personalmente condivido l'opinione del mio amico Yampa Flat di B&S e la tua.

Per me NON esistono i semicensurati....o sono incensurati o anche con una sola modifica sono censurati, non esiste la via di mezzo.

Poi, il buon collezionista, probabilmente dovrebbe avere entrambe le copie.....e mi dispiace che tu abbia la versione censurata visto che sei il primo, che pur andando contro ai propri interessi,  riconosce pregi e difetti e soprattutto l'autenticità della copia in possesso. E questo per me , ti  fa onore !!!!

Qui ti allego 2 link di ciò che era stato già detto proprio sul n 12 NC, sempre ammesso che tu non lo abbia già letto

 

 

http://www.baciespari.it/NEW%20le%20censure/NEW%20Le_cens_Li_massacreremo_semicens12YAMPA.htm

http://www.baciespari.it/NEW%20le%20censure/NEW%20Le_censure_dell12_YAMPA.htm

 

andrea ranzolin
#3  Scritto il 04-12-2017 14:28

Grazie Ivano, quell'articolo l'avevo già visto tempo fa ma non ne ricordavo pienamente tutti i dettagli...prima di scrivere di getto avrei dovuto andarlo a ricercare...Comunque non mi vergogno a dirlo: non posseggo i primi 14 non censurati, ho al massimo un 11 testatine datate, gli altri sono strillo 100 pagine, l'uno e il due sono tre stelle spillati, ma in compenso mi tengo informato e conosco più o meno tutte le censure più importanti apportate ai primi 14 albi. In una decina di anni mi son recuperato tutta la gigante in prima edizione, i texoni, i color tex, i maxi tex e gli almanacchi, che ora si chiamano tex magazine. Ora sto raccogliendo la raccoltina serie rossa (mi mancano una quarantina di raccoltine su 194) e potrei anche aggiungere la tex e la zagor di repubblica. Credo ci siano anche molte altre cose importanti nella vita su cui investire e sinceramente sui non censurati non me la sento proprio di farlo anche se, ovviamente, da super appassionato vorrei anch'io esporli in bella mostra sulla mia libreria!

Dr Fiesmot
#4  Scritto il 04-12-2017 15:15
Modificato da Dr Fiesmot il 04-12-2017 16:50

Andrea....tanti anni fa dovetti vendere la mia collezione di tex....quasi tutti in primissima edizione. Non potendo tenerli in casa mi ero ritagliato uno spazio nella taverna...ma a lungo andare le pagine iniziavano a formare le classiche macchie d'umidità. Dovetti venderli anche se a malincuore..per non rischiare di buttarli.....ma tex è tex....non potevo rimanerne troppo distante....ho riniziato ad acquistare solo gli spillati e a tenerli nella mia libreria....per quelli il posto c'è...purtroppo a volte bisogna scendere a compromessi con gli altri membri della famiglia.....(per loro è solamente carta straccia). Penso che una raccolta della 2926 sia bella e dignitosa e senza strafare economicamente. 

non ti devi vergognare....si deve vergognare chi in nome del lucro cerca di infinocchiarti consapevolmente...tu fai come puoi, come me del resto. Ciao

bat65377
#5  Scritto il 04-12-2017 17:27

Beati voi che possedete dei spillati  o strisce o raccoltine, io purtroppo non me lo posso permettere, hò tutta la collezione di tex ma a partire dal 22 in sù degli originali oltre a tutti gli speciali,quando vado alle fiere del fumetto devo accontentarmi di guardarli (contemplarli è la parola esatta !)

Dr Fiesmot
#6  Scritto il 04-12-2017 18:00

Ciao Bat

Il bello del collezionismo , ovviamente parlo del Tex, ma penso lo si possa estendere anche in altri settori, è che ognuno di noi stabilisce il suo limite di prezzo.

Personalmente non comprerei mai da un negoziante sia fiere varie o siti tipo eBay...i prezzi non sono aggiornati al 2017...

L' indicatore primario ce lo da l'asta....quello che realmente si è disposti a spendere...in questo mondo si possono comprare pezzi a prezzi umani...tenendo presente che la crisi ha fortemente colpito anche il mondo collezionistico.

Io capisco anche il negoziante che si è trovato ad acquistare x poi rivendere , in un 'epoca quando il valore era alle stelle ed oggi cerca di rientrare del suo giusto. Purtroppo oggi i prezzi sono cambiati al ribasso... c'è anche da dire che i ritrovamenti casuali di ulteriori pezzi confinati in qualche cantina e/o solaio sono praticamente terminati. Ci sono i pezzi esistenti che passano di mano in mano.... ovviamente parlo di pezzi umani. Per le edicole e magazzini valgono altri tipi di valutazione coi prezzi che ne conseguono.

Perciò Bat se dovesse continuare questo trend ribassista è facile che in un futuro prossimo , anche tu possa entrare in possesso di qualche spillato...come spero che sia. E se non sarà saremo contenti lo stesso...faremo come potremo...

andrea ranzolin
#7  Scritto il 04-12-2017 20:55

Non credere Bat che i miei siano immacolati, come si dice, da edicola...Non mi sono costati un patrimonio e poi non sono un collezionista maniacale, uno di quelli che se il fumetto è un po' ondulato o ha qualche strappetto non lo considera nemmeno. A me piace avere tra le mani quel fumetto che uscì nei primi anni di tex, mi piace addirittura sentirne l'odore della stampa dell'epoca, ogni tanto li ripulisco e soprattutto, e qua forse vi scandalizzerete (vi rivolgo anche ad Ivano), non li tengo dentro le famose buste protettive che secondo il mio modesto parere, possono proteggere come generare guai se ogni tanto non le si cambia e l'ambiente non è ben asciutto. E comunque a me piace vederli schierati, nudi e crudi come sono, con i loro difetti, a volte con qualche piccola riparazione...e per tornare al tema e non uscire dal seminato, i così detti "semicensurati" ovvero i censurati con strillo 100 pagine sono fino adesso la mia massima aspirazione perchè li puoi trovare ancora ad un prezzo decente.

bat65377
#8  Scritto il 04-12-2017 21:30

 Bè... io ai non censurati proprio non mi avvicino,riguardo ai 100 pagine  aut.478 ne hò alcuni (13-16-17-18)ma non sono messi troppo bene tanto che le coste le hò restaurate io,però possiedo il numero 1 aut.478 versione alta ma anche qui hò dovuto incollarci una copertina da mè fotocopiata, l'interno è abbastanza buono , anche in queste condizioni non potevo non prenderlo insomma... è il numero 1 ! non mi è dispiaciuto accontentarmi ! ... e poi è vero... anche solo annusarli per sentire l'odore della carta invecchiata ha un certo non sò chè...

andrea ranzolin
#9  Scritto il 04-12-2017 21:52

A questo punto Bat mi ispiri un'altra discussione, proprio sulle "condizioni disperate" dei tex, che hanno un certo valore  e che a volte siamo costretti a riparare aggiungendo qualche pagina mancante o aggiustando qualche strappo... 

bat65377
#10  Scritto il 04-12-2017 22:08

Ma ...guarda io se posso e l'intervento non è troppo invasivo i miei fumetti me li riparo (a parte il numero uno perchè ci sono stato costretto...la copertina si sbriciolava !) spaginamenti e pulizia copertine le faccio, tanto mica li vendo i miei tex è solo per i miei occhi e saperli in ordine mi soddisfa.Chiaramente per un "purista" collezionista queste sono bestemmie !

Dr Fiesmot
#11  Scritto il 05-12-2017 06:41
Modificato da Dr Fiesmot il 05-12-2017 12:27

Ciao Andrea e Bat

avete aperto una discussione interessantissima sulla quale ovviamente ognuno di noi applica un proprio metodo di misura.

Posso dire il mio, che poi è quello che deve interessarmi....certamente che se io compro un tex con la condizione che se un giorno avessi bisogno di denaro e lo dovessi rivendere...beh non ve lo insegno certamente io, si vendono e bene solo i pezzi tenuti in certe condizioni e quasi sempre le primissime edizioni o numeri particolari.

Personalmente preferisco tex vissuti, che si veda che siano pezzi di 60 anni...mi piace odorare la carta invecchiata e non mi piacciono i tex da edicola o magazzino....però non mi piace vedere pezzi di scotch o scarabocchi di biro, sono corpi estranei ai tex. Non mi piacciono pezzi mancanti a meno che non siano tanto marginali da non influenzarne la lettura... Se posso meglio un tex così com'è, senza restauri....o piuttosto un tex con un restauro professionale.

Poi è ovvio che se io li compro con l'idea chiara di tenerli per sempre allora condivido le vostre idee... come ho già detto, ho dovuto vendere la mia collezione per una forzatura , mi sono ritrovato poi a fare i conti con la realtà del mercato che tiene conto di certi parametri e il realizzo è stato inferiore alle aspettative.

Pertanto se collezionate per il piacere va bene tutto...se lo fate con l'ipotesi di un domani di rientrare dei vostri soldi è meglio andare subito sui pezzi da novanta.

bat65377
#12  Scritto il 05-12-2017 18:14

Penso che lo scoch in costa non piaccia a nessuno collezionista o no,personalmente non lo sopporto come la biro in copertina, quelli che avevo, nel tempo, li hò tutti sostituiti,preferisco le coste un pò rovinate che con lo scoch e aggiungo che un fumetto immacolato in mezzo a tanti vissuti è come un pugno in un occhio (e io ne hò tanti di vissuti!!! ) però mi piacciono cosi, vuol dire che hanno una storia (io guardo il bicchiere mezzo pieno !!!!...cosi mi consolo!)